24/06/2009

Toscana

Posted in Life tagged , , at 9:12 PM by S.

IMG_3410

 

IMG_3473

Advertisements

23/06/2009

La Residenza ‘Il colle’ per un’immersione totale nel cuore della campagna toscana

Posted in Life tagged , , , , at 5:22 PM by S.

il colle 2_prova2http://www.travelblog.it/post/8164/la-residenza-il-colle-per-unimmersione-totale-nel-cuore-della-campagna-toscana

17/06/2009

La difficile vita del candidato_Prima parte

Posted in Life at 5:45 AM by S.

‘Prego si accomodi’.

metro_milanoSono arrivata trafelata all’appuntamento. 37 gradi all’ombra. Sulla mappa pareva vicino e abbastanza facile arrivarci e invece….1 ora e mezza in auto. Al casello bloccata 20 minuti perche’ qualche genio aveva combinato un casino e l’asta era alzata e la macchina non dava piu’ i biglietti. Poi di corsa al parcheggio, sperando che non ci fosse polizia stradale in giro. La metropolitana di Milano non collabora. Prima non arriva e devo aspettare un quarto d’ora, poi devo spintonare e farmi spintonare per poter riuscire ad entrare e le porte mi si chiudono a 2 mm dal mio naso…l’aria e’ irrespirabile, un gomito mi si conficca nelle costole ma non riesco nemmeno a capire a chi appartiene, gente tossisce, altri parlano al telefono, qualche fortunato che ha trovato da sedere legge mentre io stringo a me la mia borsa con dentro il curriculum aggiornato e ormai stropicciato e prego che le distanze si facciano piu’ vicine.

Finalmente ecco la mia fermata. Ok c’ho la mappa. Mancano 15 minuti all’appuntamento e in 5 dovrei esserci…Mhhh basta capire inc he direzione andare. Ok….vediamo…sono salita dalla metro nel mezzo di un incrocio, le vie non le vedo…ok aspetta che forse cheidere e’ meglio.

‘Mi scusi, mi saprebbe dire dove e’ via Ludovico Montegani. Oh non lo sa? Ok fa nulla, grazie comunque.’

Alla terza persona mi danno l’indicazione…vabbe’ avrei fatto prima ad attraversare la strada e scoprirlo da me ma il sole picchia, la camicia comincia ad attaccarsi in modo fastidioso e la giacca nera che penzola dalla borsa sembra prendersi beffe di me .. e cerco di evitare qualsiasi movimento non necessario al puro spostamento mobile che mi faccia avvicinare alla destinazione.

Ok procediamo. Giro la mappa in corrispondenza della via che devo prendere, procedo….mmmmmh…semaforo rosso. Aspetto e intanto mi asciugo la fronte, le guance, il collo, vorrei tanto togliermi la camicia e rimanere in canottiera ma siamo a Milano e non mi sembra proprio una scelta intelligente. Ok resistiamo, manca poco. Le distanze sembrano espandersi e l’orologio invece sembra correre in fretta, quasi volesse anticipare la frescura della sera. Io accellero e quasi corro, sperando di non arrivare in ritardo. Finalmente dopo 14 minuti arrivo a destinazione. Saluto con un sorriso sforzato dettato piu’ dalla disperazione che dalla cordialita’ la guardia che controlla l’entrata dell’edificio. Lui ricambia e mi da indicazione: ‘giri a sinistra e salga la scala’.

Eseguo gli ordini riaggiustandomi la frangia attaccata alla fronte e sperando che almeno il trucco sia intatto. Mi vedo riflessa nella porta a vetro. Sono decisamente trafelata, la camicia che e’ attaccata al corpo quasi una seconda pelle, i piedi rossi nella parte a contatto con il bordo della scarpa, le guance sono rosse e legermente imeprlate di sudore, la fronte non e’ visibile a causa della frangetta incollata e che sta prendendo ina piega decisamente poco fashion, i capelli che ribelli sono usciti dallo chignon e sembrano fare beffa alla forza di gravita’. Pazienza, non c’e’ tempo per ripigliarsi. Entro e nel mentre sento il muro dell’aria condizionata che mi accoglie e mi da sollievo mentre mi infilo la mia giacca nera per completare il tutto. Vongo accolta con un sorriso cortese e mi viene dato un cartellino che riporta ‘Guest’ e vengo invitata a sedermi e ad attendere pazientemente che mi vengano a prendere.

Eh figurarsi…pane per i miei denti. Mi siedo e mi sistemo il colletto della camicia, controllo che tutto sia in ordine, mi soffio il naso, mi metto il burro di cacao e mi sfilo in modo impercettibile le scarpe per dare un po di respiro ai piedi che ormai dentro le scarpe stavano assumento la stessa forma…Guardo l’orologio e mi accorgo che sono le 16.02. Controllo le porte da cui potrebbe arrivare la persona con cui ho l’appuntamento. Mmmh. Porta che da accesso alle scale a ore 2. oppure ascensore a ore 3. Si decisamente ascensore …..

16/06/2009

Traslochi

Posted in Life at 9:57 AM by S.

Odio i traslochi!

09/06/2009

Agriturismo L’Antica Corte del Turco

Posted in Life tagged , , at 8:34 PM by S.

cdt-08_dimensioni ridottehttp://www.travelblog.it/post/8059/verona-lantica-corte-del-turco-un-agriturismo-per-unimmersione-totale-nella-natura

03/06/2009

A Napoli

Posted in Life tagged , , , , , , at 9:27 AM by S.

IMG_3081 - CopyVenerdi scorso abbiamo fatto le valigie. Un borsone e poche cose per evitare le code infinite in aeroporto per fare il check in. Un paio di jeans, un maglioncino (giusto in caso), uno spolverino e 3 t-shirt. Il sabato mattina la sveglia e’ stata all’alba e ci siamo avviati per le strade semideserte del varesotto pregustando l’imminente partenza. Come il ragazzo della reception dell’hotel dove abbiamo alloggiato ha fatto notare ad una turista straniera…siamo noi del nord che mettiamo paura alla gente che deve passare nel suo ‘peregrinare’ da Napoli..e infatti io ho fatto una specie di rituale prima della partenza: via la borsa nuova per quella vecchia e ‘anonima’, via collane, orologi, anelli, via tutto cio’ che potesse attirare qualche malpensante. Il meteo ci aveva avvisato di eventuali piogge ed eravamo preparati alle nubi che ci hanno accolto all’arrivo. A dir la verita’ non e’ che avevamo molto capito cosa ci saremmo dovuti aspettare. Avevo iniziato a guardare 4 siti meteo una settimana prima. Pioggia in sabato, nuvolo la domenica, pioggia torrenziale il lunedi e il martedi. Beh forse non e’ il caso di andare. Guardo quale alrto posto potrebbe fare al caso nostro…..NordItalia No perche piove pure qui e poi…che barba….Roma piove, Firenze nuvolo e forse piove, Spagna..no c’e’ l’influenza dei suini, Francia gia’ stati…UK no per carita’che li piove di default…altri posti no perche’ io volevo relax e mica camminare giorno e notte per visitare una citta’…almeno a Napoli c’e’ il mare, Ischia, Positano, Amalfi, Capri…

Ok controlliamo domani

Il Domani: sabato sole, domenica fulmini, lunedi pioggia e martedi nuovoloni neri e fulmini corredati di pioggia scrosciante.

Mmmmh….

Il giorno dopo: Nuvolo il sabato, cosi come la domenica, il lunedi e il martedi pioggia..Vabbe tanto martedi partiamo…

Il giorno dopo dobbiamo prenotare. Riguardo e 2 siti mantengono stabile il loro forecast, gli altri 2 anticipiano pioggia da sabato a martedi compresi.

Perfetto. Mal che vada c’abbiamo la SPA in Hotel.

L’Hotel e’ spettacolare, posizionato di fronte al mare e con vista sul castello. E’ chiccoso e ha pure il portiere che tecnicamente dovrebbe per l’appunto aprire la porta ma che in realta’ ti guarda dall’alto in basso domandandosi se tu alloggi veramente in quell’hotel o fai l’infiltrata. Si ok, non e’ che fossi proprio Miss Eleganza ma l’umidita’ al 3500% mi arricciava anche i peli del naso, il cappellino che indossavo costantemente tratteneva i ricci ribelli e le scarpe da ginnastica d’obbligo per chi, come me, vuole camminare un paio d’ore senza poi aver a che fare con vesciche.

Ci siamo messi in cammino appena arrivati per un paio di orette girovagando senza una meta precisa per la citta’ senza sapere che la guida turistica che avevamo prenotato ci avrebbe fatto camminare per altrettante 3 ore senza sosta sotto il sole e ignari del fatto che saremmo ‘svenuti’ esausti dubitando di potersi rialzare per andare a cena..Ma la cosa piu’ gustosa di questa gita sono state proprio le cene! La prima cena siamo andati in un posticino carino approfittando del tempo ancora bello e ci siamo seduti su un tavolino in terrazza assaporando la tartara di tonno e il carpaccio fresco di tonno e successivamente un piatto di spaghetti alle vongole dal sapore del mare, per poi coronare il tutto con una crostata al limone. Il cibo senza dubbio e’ assolutamente da far girare la testa, considerando che le mozzarelle napoletane non sono nemmeno lontanamente paragonabili a quelle a cui siamo abituati. Sono minimo di 230 gr fino ad arrivare alle piu’ buone e gustose di 400 gr., che al taglio del coltello rilasciano parte del latte fresco con cui sono fatte. Una specialita’ che e’ assolutamente da provare.

Il secondo giorno, desiderosi di un po’ di pace per i propri piedi ancora doloranti dal giorno precedente, abbiamo preso il battello per Ischia, dove un gelatone e una leggera e spensierata passeggiatna ha rilassato gli animi e i muscoli…completando invece l’opera con la gita a Capri, famosa isola nel golfo di Napoli, dalle coste frastagliate e decorate con grotte e cale che rendono l’isola tutta da scoprire e che, insieme alla vegetazione tipica mediterranea, ne creano quel fascino che attira milioni di turisti ogni anno. Infatti l’Isola di Capri e’ proprio divisa in due parti: Quella piu’ caratteristica popolata da nativi e da persone desiderose di assaporare la natura e un paesaggio veramente da togliere il fiato, e quelli che invece prediligono passeggiare per le vie ‘VIP’ scortati da compagni vestiti a Brands e che sfoggiano abbigliamenti che farebbero invidia alle sfilate di moda milanesi…ho pure comprato un paio di sandali fatti da un artigiano locale, una chicca che mi sono voluta concedere, affascinata dalla mano esperta e dall’aria goviale del personaggio…

Comunque…a ciascuno il suo..ogni angolo e da scoprire e da assaporare.